Eventi

25 Agosto 2021

Pedalma : competizione lunga 700 km MAD a BCN

Pedalma è una competizione lunga 700 km che si svolge su strade secondarie e collega Madrid e Barcellona. Ibai Fradejas condivide con noi la sua esperienza di gara e discute di come le priorità possano modificarsi durante il corso di un viaggio.

 

Lorem ipsum
Lorem ipsum

“Quando l’obiettivo è competere ai massimi livelli, ogni dettaglio conta. La scelta degli pneumatici, la pressione, gli indumenti indossati, cosa si porta nello zaino, la pianificazione dell’alimentazione e le pause: ogni elemento ricopre un ruolo importante quando si cerca di pedalare per 30 ore senza praticamente fermarsi mai. Per pedalare così tanto, bisogna assumersi dei rischi e i protagonisti di queste manifestazioni sportive fanno affidamento sull’esperienza per trovare la strategia vincente.”

– Ibai Fradejas

Lorem ipsum
Lorem ipsum

Per Pedalma, Fernando Marquez, il mio compagno in questa avventura e io avevamo deciso una strategia d’azione prima della grande performance notturna. Dopo una partenza frenetica, i 50 contendenti hanno cominciato a dividersi in gruppetti. Quando siamo arrivati alla prima salita impegnativa, l’andatura si era ormai stabilizzata e i ciclisti hanno iniziato a prendere posizione. Abbiamo pedalato di buona lena raggiungendo il primo punto di controllo dopo aver percorso 125 km in prima posizione. Ci sono serviti solo pochi minuti per sancire il nostro riconoscimento, indossare le nostre giacche impermeabili e tornare di nuovo in sella. Abbiamo proseguito sul percorso e ancora prima di accorgercene, ci siamo trovati nell’oscurità più completa, pedalando in notturna.

Lorem ipsum

“Il tempo non era dalla nostra parte e, sul calar della notte, è scoppiato un violento temporale.”

 

Più della metà dei partecipanti ha deciso di ripararsi al primo punto di controllo cercando tregua dalla pioggia. Nonostante fossimo completamente zuppi abbiamo deciso di proseguire, rimanendo fedeli alla nostra strategia iniziale che prevedeva di non fermarci fino al terzo punto di controllo dopo 375 km.

La temperatura durante la nottata era scesa bruscamente e Fernando ha cominciato a risentire delle intemperie. Aveva freddo e ciò iniziava a dargli delle problematiche. La fatica cominciava a farsi sentire e riusciva appena a tenere gli occhi aperti, nonostante i gel a base di caffeina che assumeva. Quando ci si spinge oltre i propri limiti cercando di affrontare condizioni avverse, si diventa molto più vulnerabili. Si tratta di una realtà ineludibile in questo tipo di gare di resistenza e un rischio che bisogna correre. Avremmo forse dovutoportarci altri indumenti per affrontare la variabilità meteorologica? Ci saremmo dovuti fermare a dormire, inmodo da riposare bene? O piuttosto avremmo dovutotenerci leggeri e lasciare ciò che non era essenziale a casa? Queste sono le domande a cui sarebbe stato possibile rispondere con il senno di poi.

Ad appena 25 chilometri dal terzo punto di controllo, abbiamo dovuto cominciare a improvvisare. A questo punto avevamo perso parecchio tempo e diverse posizioni e ora si trattava semplicemente di terminare la gara arrivando a Barcellona. Il limite di gara era di 50 ore, pertanto la priorità di tutti era di essere il più efficienti possibile per completare il percorso entro il tempo massimo.

Lorem ipsum
Lorem ipsum

A quel punto era chiaro che non avremmo vinto, ma volevamo comunque proseguire e ammirare i panorami che ci avrebbero accompagnato nella luce del mattino. Anche questa prospettiva era diventata però complicata per via delle ripide salite, mentre le temperature erano salite rapidamente fino a 44°C. La fatica ci attanagliava e giungere al quarto punto di controllo a 473 km si è rivelato più duro del previsto. Non appena siamo partiti, mi sono reso conto che Fernando era seriamente in difficoltà. Non stava per niente bene ed era esausto. Non aveva senso spingersi oltre e sperare di percorrere altri 200 km. Non ha avuto altra scelta che gettare la spugna.

Lorem ipsum

Anche se la gara non è andata per niente come avevamo programmato e sapevo che ci avrebbero squalificato come coppia, ho deciso di proseguire da solo dal momento che volevo terminare quello che avevo iniziato. Spinto da un irrefrenabile desiderio di raggiungere Barcellona, ho continuato a pedalare per il resto della giornata.

Dopo 700 duri chilometri, finalmente ho raggiunto il traguardo. Si è trattato di una gara difficile, ma in fin dei conti, ero orgoglioso di aver completato il percorso. La perseveranza è un’arte e a volte è necessario ricercare la motivazione da risorse che si pensa di non avere a disposizione. Anche se in principio volevo una vittoria in coppia, immergersi nell’esperienza in solitaria e superare le avversità notturne è stato un risultato ugualmente gratificante.

Potresti anche essere interessato agli

articoli seguenti

25 Agosto 2021

Pedalma : competizione lunga 700 km MAD a BCN

Pedalma è una competizione lunga 700 km che si svolge su strade secondarie e collega Madrid e Barcellona. Ibai Fradejas condivide con noi la sua esperienza di gara.
6 Novembre 2020

Mega stile e mega allenamenti all’Evo Bike Park

L’annuale EVO Bike Park Jam è stato rimandato quest’anno, quindi Hutchinson ha deciso di far incontrare alcuni dei suoi atleti più importanti per ricreare l’atmosfera della comunità MTB in un formato che rispetta il distanziamento sociale.
7 Ottobre 2019

Reed Boggs si lancia sulla nuova Linea Griffus all’evo bike park

Il freerider americano Reed Boggs è arrivato subito dopo aver vinto Proving Grounds per inaugurare e sfidare questo gigantesco percorso insieme ad alcuni tra i migliori freerider francesi.